Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘Everything Matters!’

Google Street View CarIn the last fifteen years technology has radically transformed the way in which translators work. Translators used to spend most of their time browsing through heavy paper dictionaries and glossaries, lose their eyesight in the small lines of a definition to look for an idiomatic phrase, and planned regular trips to the local library to research the most puzzling references.

In the 1990s dictionaries started to be published on CD. You wrote the word, it popped up. You wrote the key word of the idiom you were looking for, and there it was, highlighted in a split second. It sounds normal, today, but it must have seemed like magic, at first. This relatively recent development truly boosted translators’ productivity, while reducing anxiety, depression and frustration – not a mean feat. And that was just the beginning. When the Internet became affordable for the average translator working from home, it opened up spaces where one could research huge directories, at speeds never imagined before. Yahoo!’s directories where huge and searchable. Could it get any better than that? Of course it could. Enter Google. Fast-forward to thirteen years later, and Google is the main tool I use in my work as a translator.

If most translators would probably confirm that they use Google more than any other tool, and if the average person can easily understand why that is, fewer people would guess that Street View is a precious tool in our trade.

Google Street View is nothing short of awesome. Many people use it to show their friends where they have been on holiday, or the street where they grew up. Others like to get a feel of an area before booking a hotel or venturing out to a late-night concert. Those with a lot of spare time simply get virtually lost through the streets of an unknown foreign city. It’s a precious tool for everyday life and a bonanza for the chronically curious.

As I said, not many people would assume that Street View is an amazing tool for literary translators. When I encounter a reference to some place in a text, I immediately Google it, check out if it exists, check the Wikipedia entry for it, find a few pictures, maybe a tourism website. Tourist websites and photo galleries, though, are pretty much limited to the main attractions – not to mention that you’ll find countless pictures of Paris, but a small town in rural Texas, well… that’s another story. With this kind of tool, the translator can easily get a very precise idea of the most obscure place where a story is set.

Stewart Beach Park, Galveston, TXWhile translating Galveston, the amazing debut by Nic Pizzolatto, I truly got lost through the dingy streets of that Texan island, I “walked” along the seaside to see what the characters where seeing. Ok, the businesses and addresses he wrote about were not really there (although countless others, of the same kind, were) but I got the feeling, the atmosphere of Galveston island. Needless to say, one can of course translate without having the vaguest idea of what a place looks like, and writers used to set their stories in exotic places without having been there, and without having seen a single picture of them. And that’s probably one of the greatest skill an author needs, the ability to imagine how a place looks, smells, sounds, feels like.

Still, being able to get at least a visual impression can make all the difference when we have to establish which one of two quasi-synonyms we need to use, and allows us to visualise the events a lot better, which certainly helps to dissipate any doubts about the setting, and therefore to produce and accurate and meaningful translation.

O Toole's Pub, Chicago, ILIn his brilliant novel Everything Matters! Ron Currie, Jr. mentions heaps of bars, restaurants and shops. Much to my surprise, that time I discovered that they all exist in the real world. Whether you are a translator or just a reader, being able to stand in front of the Chicago pub where your main character is getting drunk with his drug-addled amputee friend certainly adds to the experience, and – quite simply – an enhanced reading experience will result in a better performance by the translator.

Anyone else out there using Street View to check out the locations of the story they are translating?

P.S. interestingly, I have found Google Street View much more useful in my job than the surprising but still dreadful Google Translate.

Advertisements

Read Full Post »

Altro squillo di trombe, altro rullo di tamburi. Dopo mesi di latitanza, il vostro affezionatissimo è contemporaneamente in libreria con due nuove uscite targate Strade Blu. Mi tocca fare un po’ di pubblicità, anche se si tratta di due libri che in un mondo ideale andrebbero a ruba da soli. Vi ho già segnalato la pubblicazione di Galveston, di Nic Pizzolatto. Due settimane dopo, però, è uscita un’altra delle mie fatiche, l’imperdibile Ogni cosa è importante! di Ron Currie, Jr.

Si tratta di un pezzo di bravura non da poco. Ron Currie Jr. ha esordito con il “romanzo in racconti” God is Dead, che sto traducendo al momento. Dopodiché è passato al romanzo vero e proprio, e ha pensato bene di farlo in grande stile. Perché secondo me abbiamo per le mani un possibile Great American Novel.

John Junior Thibodeau nasce in una famiglia normalissima nel Maine, ma fin dalle prime righe del romanzo si capisce che Junior non è affatto un ragazzo comune. Una voce nella testa gli comunica verità che nessuna persona sarebbe normalmente in grado di scoprire. Quella più sconvolgente è che il 15 giugno 2010 – ovverosia 36 anni, 168 giorni, 14 ore e 23 secondi dopo la sua nascita – una cometa proveniente dalla Cintura di Kuiper, vicino a Giove, si schianterà contro la Terra scatenando un’energia esplosiva equivalente a 283.824.000 bombe di Hiroshima. Così, con questo fardello terribile di conoscenza, Junior dovrà affrontare e attraversare la propria esistenza. Cresciuto negli anni Ottanta, in un’epoca in cui furoreggiavano le console Atari e le piste di cocaina, costantemente tormentato dalla domanda: “Ma le cose che faccio hanno davvero importanza?”, Junior è alla disperata ricerca di un senso per un mondo che solo lui sa avere i giorni contati.

C’è un che di Donnie Darko in questa premessa. C’è del Kurt Vonnegut nel modo in cui Currie mescola satira, umorismo nero e fantascienza. Ma soprattutto c’è proprio lui, Ron Currie Jr., un acuto osservatore della storia americana degli ultimi trent’anni, dotato di una sensibilità fuori dal comune e di un coraggio che lo porta a fare a brandelli le convenzioni della narrativa per regalarci un romanzo godibilissimo e ricco di significati, che vi farà balzare sulla sedia più di una volta, con un sorriso incredulo in volto. Fidatevi.

La traduzione è stata un viaggio meraviglioso. Currie racconta questa storia fra il familiare e l’epico servendosi di molteplici voci che si alternano a far da narratori. Il protagonista, Junior, con la sua intelligenza fantascientifica e il cinico nichilismo che gli deriva dalla terribile consapevolezza della fine imminente. Suo fratello Rodney, che da bambino ribelle diventa un campione di baseball. Il padre John Sr., commovente ritratto di quel tipo d’uomo che parla poco ma fa due lavori per mantenere la sua famiglia, senza lamentarsi mai. Forse il personaggio più toccante del libro. La madre, Debbie, una casalinga fantasma schiacciata dal passato. Amy, l’amore di sempre, affascinante e disarmante, praticamente la ragazza alternativa ideale degli anni ’90. E, infine, la voce che più di tutti contraddistingue questo libro, ossia quella che Junior sente nella sua testa sin da quando è stato concepito, e che non di rado lo guida lungo il corso della sua esistenza, con un vena piuttosto sarcastica nel descrivere le dinamiche della vita umana con spietata lucidità.

Credo sia facile capire quanto sia stato stimolante calarsi nei panni di tutti questi narratori e rendere la diversità delle loro voci in italiano. Sono orgoglioso di aver potuto tradurre in italiano questo libro, e spero sinceramente che abbia il successo che merita – e lo dico spassionatamente, io non prendo una lira di più.

Buona lettura.

Read Full Post »