Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘Babel Fish’

Un sacco di gente insiste a dirmi che i traduttori automatici online “comunque un’idea te la danno”. Un po’ di tempo fa ho trovato una frase che è assai adatta a mettere alla prova i suddetti gingilli. Va detto che si tratta di una frase molto semplice, con un puro intento comunicativo, ma che contiene quattro termini – fan, club, match e cup -che possono essere parecchio ambigui. Per chi non mastica l’inglese, spieghiamo il perché: fan può significare fan, tifoso, ma anche ventilatore. Club non è il solo club, ma anche la clava, o la mazza. Match può voler dire partita ma anche fiammifero, e cup può voler dire coppa ma anche tazza. La frase di partenza è:

“the Italian fan club was ready for the last match of the World Cup”

L’esperimento è semplice, il solito. Tradurre la frase dall’inglese all’italiano e poi ritradurre verso l’inglese. Ho preso in considerazione Babel Fish, WorldLingo, Reverso, Bing Translator, Systran e Google Translate, con risultati sorprendenti:

Yahoo! Babel Fish gode – incomprensibilmente – di una certa reputazione, ma di certo questa è più frutto della sua anzianità che non dei risultati raggiunti:

EN > IT

il randello di ventilatore italiano era pronto per l’ultimo fiammifero della tazza di mondo”

IT > EN

___ randello of Italian fan the ready era for l’ last match of the world cup”

Già alla prima traduzione Babelfish sbaglia tutte e quattro le parole ambigue e manca una preposizione articolata, così che, pur rispettando la struttura della frase, questa risulta incomprensibile. Ritraducendo verso l’inglese, perde per strada due articoli, ne lascia uno in italiano, scambia un verbo per un nome e non traduce il sostantivo randello. L’inglese non solo è incomprensibile, non è nemmeno inglese. Voto: 1/10

Su WorldLingo la storia è simile:

EN > IT
“il randello di ventilatore italiano era aspetta per l’ultimo fiammifero della tazza del mondo”

IT > EN

the randello of Italian fan it was waits for for the last match of the cup of the world

Tutte e quattro le parole ambigue vengono fraintese dal traduttore automatico, che inspiegabilmente non riesce neanche a tradurre ready con pronto, proponendo invece un inatteso aspetta. Ritraducendo verso l’inglese, poi, ancora una volta randello non viene tradotto, e sebbene era venga riconosciuto come verbo, gli viene aggiunto it davanti, segno che il traduttore automatico non si rende conto che è il sostantivo precedente a fungere da soggetto. Inoltre, quell’aspetta spuntato dal nulla diventa (abbastanza logicamente, stavolta) waits for, seguito da un ulteriore for che traduce per. Direi che, come per Babel Fish, fare di peggio era davvero difficile. Voto: 1/10

Proviamo con Reverso:

EN > IT

il bastone di ventilatore italiano era pronto per l’ultimo fiammifero della Coppa del Mondo”

IT > EN

the baton of Italian fan was ready for the last match of the World Cup”

Qui facciamo un passo avanti. Finalmente la World Cup viene riconosciuta come Coppa del Mondo, tuttavia si parla ancora di ultimo fiammifero. Tre parole ambigue su quattro sono tradotte erroneamente. Club stavolta diventa bastone anziché randello, ma nulla cambia. Era pronto viene tradotto correttamente. Tuttavia la frase è ancora incomprensibile. Passando alla prova del fuoco della ritraduzione verso l’inglese, poi, ci ritroviamo con una prima metà frase decisamente assurda, dove bastone diventa baton (fondamentalmente manganello) e l’ordine delle parole non ha molto senso. Voto: 4.5/10

Da notare come questi primi tre traduttori automatici abbiano usato randello e bastone per tradurre club, che in realtà equivale nella maggior parte dei casi a clava o mazza (es. golf club, mazza da golf). Passiamo a Bing Translator di casa Microsoft:

EN > IT

il fan club italiano era pronto per l’ultima partita di Coppa del mondo”

IT > EN

the fan club Italian was ready for the latest batch of ___ World Cup”

Diavolo! La traduzione dall’inglese all’italiano ci sta tutta, a parte una maiuscola. Vuoi vedere che Bill Gates è sempre lui? Tornando verso l’inglese, però, le cose non vanno poi così bene. C’è un problema con l’ordine delle parole (fan club Italian invece di Italian fan club). Le quattro parole ambigue tornano comunque com’erano, ma inaspettatamente spunta quello sciagurato latest batch, un’ultima partita in senso commerciale, a scombinare tutto. Poi si perde per strada un articolo, a fare i pignoli. La frase inglese con cui ci si ritrova alla fine, comunque, è stravolta, ed è parecchio difficile che qualcuno ne desuma il significato originale senza sapere del nostro esperimento. Va detto, però, che rispetto ai concorrenti visti fin qui, perlomeno, c’è una parvenza di logica nella traduzione. Voto: 5/10.

Passiamo al traduttore automatico presente sul sito di Systran, il primo software di traduzione mai messo a punto, e il più grande fornitore di software per la traduzione:

EN > IT

il fan club italiano era pronto per l’ultima partita della coppa del Mondo”

IT > EN

the fan Italian club ready era for the last game of the World Cup”

Anche qui, quattro parole su quattro vengono tradotte correttamente. Al di là di una maiuscola, dall’inglese all’italiano, ci siamo. Ritraduciamo, e una smorfia di delusione (o sollievo?) ci storpia il volto, perché inspiegabilmente era viene di nuovo confuso con il sostantivo, un errore determinante ai fini della comprensione, e poi c’è un problema di ordine (the fan Italian club). Peccato per quell’era inteso come periodo di tempo che scombina tutto il significato della frase inglese finale. Voto: 5/10

E infine, vediamo come se la cava Google Translate.

EN > IT

Il fan club italiano era pronto per l’ultima partita della Coppa del Mondo”

IT > EN

___ Italian fan club was ready for the final match of ___ World Cup”

Porca la miseria, se Google non fa sempre le cose per bene. La traduzione dall’inglese all’italiano è perfetta. Ritraducendo verso l’inglese assistiamo addirittura ad una sorta di correzione lessicale, laddove il traduttore usa final invece di last, che risulta più appropriato al contesto. Tuttavia, inspiegabilmente, Google Translate cade sull’articolo il e sulla preposizione articolata della, ignorandoli del tutto, e partorendo una frase perfettamente comprensibile ma pur sempre un po’ maccheronica. In ogni caso, risulta chiaro che il traduttore in questione è di certo l’enfant prodige di turno (ma parliamo di Google, c’è da stupirsi?), la vera rivelazione della nostra competizione. Voto: 8.5/10

In conclusione, se volete intuire al volo il senso generale di una frase, Google Translate (e solo lui) sembra garantire un minimo di affidabilità. Tuttavia, tengo a sottolineare che non appena usciamo dai semplici enunciati informativi come quello appena visto, neanche Google vi può aiutare. Molto presto vi proporrò un caso recente che porta alla luce le magagne di casa Google non appena ci si trova a dover considerare frasi più complesse o con un minimo di contesto culturale. Nel frattempo, se vi serve una traduzione, vi consiglio caldamente di affidarvi a un professionista in carne e ossa.

Advertisements

Read Full Post »

A lot of people keep telling me that online machine translators “give you an idea anyway”.  A while ago, I found a sentence that is quite useful to test these widgets. It is worth noting that it’s a very simple sentence, with a purely communicative function, but it contains four terms – fan, club, match and cup – all of which have two very different meaning and can be quite ambiguous for a machine to translate. Let me clarify why, for the non-bilingual. The Italian word for fan as in the device that produces air current is ventilatore, while a supporter is tifoso or fan; club as in what Fred Flintstone carried around is clava or mazza while a group of people with a common interest is called a club in Italian too. Match as in what you use to light your cigarette is fiammifero or cerino but it’s partita if you mean a game, and cup is translated as tazza if it’s what your drink your tea in, but as coppa if you mean a trophy. So, the sentence is

“the Italian fan club was ready for the last match of the World Cup”

The experiment is a simple one. Translating the sentence from English to Italian, then back to English. I used it to test Babel Fish, WorldLingo, Reverso, Bing Translator, Systran and Google Translate, with surprising outcomes.

Yahoo! Babel Fish has – incomprehensibly – quite a reputation, but that might be due more to its old age than to the results it achieves:

EN > IT

il randello di ventilatore italiano era pronto per l’ultimo fiammifero della tazza di mondo”

IT > EN

___ randello of Italian fan the ready era for l’ last match of the world cup”

Right away, translating into Italian, Babel Fish fails on all our ambiguous words, and misses a preposizione articolata (that’s when the prepositions merge with the articles), so that, despite maintaining the sentence’s structure, the result is incomprehensible. Going back to English, it loses two articles, leaves one in Italian, mistakes a verb for a noun and doesn’t translate the noun randello. The resulting English sentence is not just incomprehensible, it’s not English at all. My rating: 1/10

WorldLingo suffers from similar problems:

EN > IT

“il randello di ventilatore italiano era aspetta per l’ultimo fiammifero della tazza del mondo”

IT > EN

the randello of Italian fan it was waits for for the last match of the cup of the world

All four ambiguous words are misunderstood by the software, that – inexplicably – can’t even translate ready with pronto, coming up with a surprising aspetta. Going back towards English, once again randello is not translated, and while era is recognised as a verb, the translator adds it in front of it, indicating that it doesn’t realise that the preceding noun is the subject of that verb. Moreover, that aspetta which popped out of the blue becomes – quite logically – waits for, followed by another for which translates per. As was the case for Babel Fish, it was really hard to do worse than this. My rating: 1/10

Let’s try Reverso:

EN > IT

il bastone di ventilatore italiano era pronto per l’ultimo fiammifero della Coppa del Mondo”

IT > EN

the baton of Italian fan was ready for the last match of the World Cup”

A little step forwards. Finally World Cup is recognised as Coppa del Mondo, but nonetheless we’re still talking about an ultimo fiammifero. Three out of fours ambiguous words are not translated correctly. Club here becomes bastone (stick) instead of randello, but nothing changes. Era pronto is correctly translated into was ready. Nonetheless, the sentence we get is still not understandable. Going back to English, the first half of the sentence is definitely absurd, bastone becomes baton and the word order doesn’t make much sense. My rating: 4.5/10

Note how these first three softwares used randello and bastone to translate club, which actually corresponds in most cases to clava (which is also a cognate), or mazza (e.g. golf club = mazza da golf).

Let’s move to Microsoft‘s Bing Translator :

EN > IT

il fan club italiano era pronto per l’ultima partita di Coppa del mondo”

IT > EN

the fan club Italian was ready for the latest batch of ___ World Cup”

Hell! The English to Italian translation is impeccable, except for a capital. Maybe Bill Gates will prove himself once more?  Unfortunately, going back to English things unravel. There is a problem with the word order (fan club Italian instead of Italian fan club). Those four ambiguous words go back to what they were, but – unexpectedly – that unfortunate latest batch comes up, an ultima partita in a commercial sense, and that really kills the sentence. Then, to be painfully strict, an article is lost in translation. It would be hard to get the original meaning out of the final sentence, if you weren’t reading this article. To be fair, though, compared to the competitors above, we start seeing some logic in the translation process. My rating: 5/10.

Now, let’s move to the free translator on Systran‘s website, the first translation software ever and the leading supplier of translation software.

EN > IT

il fan club italiano era pronto per l’ultima partita della coppa del Mondo”

IT > EN

the fan Italian club ready era for the last game of the World Cup”

Once again, four out of four ambiguous words are translated correctly. Except for a capital, the English to Italian translation is fine. Revert to English, and we grimace in disappointment (or is it relief?)  because, inexplicably, a verb is once again mistaken for a noun. A fundamental mistake that affects the comprehension. Then, there is a word order problem (the fan Italian club). Shame about that era translated as a noun, which really kills the final English sentence. My rating: 5/10

Finally, let’s see how Google Translate performs.

EN > IT

Il fan club italiano era pronto per l’ultima partita della Coppa del Mondo”

IT > EN

___ Italian fan club was ready for the final match of ___ World Cup”

Bloody hell, doesn’t Google always do things properly? The translation from English to Italian is perfect. Going back to English, we even see a lexical correction, where the machine uses  final instead of last – very appropriately, given the context. Strangely, though, Google Translate fails with the article il and the preposizione articolata della, ignoring them completely, and producing a sentence which is perfectly understandable but still sounds funny. In any case, it is pretty clear that this new widget comes off as the prodigy here – but we’re talking about Google, should we really act surprised? My rating: 8.5/10

To sum up, if you need to grasp the general meaning of a sentence, Google Translate (and Google Translate only) seems to guarantee a minimum of reliability. Nevertheless, let’s make clear that as soon as we move from simple informative sentences to more complex ones, even Google Translate is not to be trusted. I will soon analyse a recent case to demonstrate this. In the meantime, if it is a translation that you need, I warmly advise you to contact a flesh-and-blood professional translator.

Read Full Post »